• UN BALSAMO PROFUMATO

  • LO SCRIGNO DI FAMIGLIA: L'ACETAIA

  • LA VECCHIA DISPENSA

  • SEGRETI E PASSIONI

  • LE BATTERIE. DONNE, LEGNI E PROFUMATI RICORDI



GENERAZIONE DOPO GENERAZIONE
La nostra è una lunga storia iniziata ad inizio Novecento quando le famiglie Pelloni e Tintori cominciarono ad invecchiare in botti di legno l’Aceto Balsamico come eredità da tramandare in dote alle figlie.

LE BATTERIE: DONNE, LEGNI E PROFUMATI RICORDI
Rendere merito al lavoro delle generazioni precedenti, conservarlo e trasmetterlo a quelle future: questo è il nostro motivo d'orgoglio. Ogni batteria di Aceto Balsamico ci racconta una storia che inizia sempre con un nome femminile. Si torna così indietro nel tempo, quando a Modena il prestigio di una famiglia si misurava attraverso il numero delle batterie. Donne di famiglia forti e tenaci come il legno dei barili, ma dolci e profumate come il loro prezioso contenuto. Ma soprattutto madri, capaci di generare vita come le preziose "Madri" del Balsamico. Così ognuna di loro la ritroviamo oggi in ogni goccia del nostro Balsamico.

A CASTELVETRO LA NATURA HA LA SUA VECCHIA DISPENSA
Nel 1973 Mario e Clementina aprirono sulla piazza di Castelvetro un piccolo ristorante, dove presero forma le prime ricette al balsamico. Grazie alla passione per la buona cucina il ristorante fu presto meta di clienti affezionati. Spesso con alcuni di loro il rapporto divenne talmente stretto che iniziarono a pregarci di poter portare a casa un ricordo sotto forma di Aceto Balsamico. Nel 1975 aprimmo così un piccolo negozio chiamato Dispensa all’interno del palazzo di famiglia, dal nome del grande mobile di legno dove custodivamo in pesanti orci di terracotta chiamati “Train” il nostro Aceto Balsamico.

LICENZA N.13
Negli anni ’80 la passione per il balsamico prese il sopravvento, e grazie alla volontà di Roberta e Marino La Vecchia Dispensa divenne un punto fisso per gli amanti del prezioso “oro nero”. Il resto è storia recente, e dall’inizio degli anni ’90 è iniziato un percorso di valorizzazione all’estero che ha portato il nostro prodotto ad essere conosciuto ed apprezzato in tutto il Mondo.

Con orgoglio possiamo fregiarci di una delle prime Licenze di produzione e Commercio per l’Aceto Balsamico, N.13. Questo testimonia la lunga tradizione della nostra famiglia che continua ancora oggi nella ricerca della più alta qualità e rispetto della tradizione.

UNA SCELTA CONSAPEVOLE
L’ultimo capitolo di questa storia è iniziato nel 2002 con la scelta di intraprendere un percorso di produzione biologica. L’ingresso di Simone a fianco di Marino ha portato una nuova attenzione nella produzione.

Scegliere BIO significa decidere di avere uno sguardo aperto sul pianeta di oggi e su quello di domani; significa affrontare le difficoltà del nostro presente costruendo modelli di sviluppo sostenibili per migliorare la nostra qualità di vita e consegnare ai nostri figli e alle generazioni future un mondo sano e giusto.

I DETTAGLI FANNO LA DIFFERENZA
Ci piace curare i nostri prodotti in tutti i particolari, anche nel più piccolo dettaglio. Talvolta può sembrare superfluo o persino maniacale, ma ogni pezzo è per noi unico e merita tutta la nostra attenzione, a partire dalla selezione della materia prima fino al confezionamento del prodotto finito. Abbiamo sempre fatto così, e del resto ogni nostra creazione parla di noi, della nostra storia, e ci rappresenta in tutte le sue sfumature.


PRIMI NELL’INNOVARE LA TRADIZIONE
Guardiamo sempre al futuro e all’innovazione. Per questo ogni anno creiamo nuovi prodotti che sposano e rispettano il Balsamico. Nel corso del tempo La Vecchia Dispensa ha dato vita a nuovi e moderni abbinamenti, tra cui spiccano l’ideazione del primo Panettone al Balsamico, la pralina con Balsamico e Parmigiano-Reggiano e il Fior di Sale al Balsamico.

firma.png